Nella civiltà industriale la materia è trasformata, con consumo di energia, in prodotto. Questo,dopo l’utilizzo, prima o poi diviene rifiuto.  La Comunità Europea lo definisce come “qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l’intenzione o l’obbligo di disfarsi“. Decidiamo noi, quindi, cosa è rifiuto: un oggetto vecchio e ancora utilizzabile non è rifiuto, un cellulare recente sostituito da quello all’ultima moda è rifiuto.
La quantità di rifiuti prodotti in Italia, come mondo industrializzato, è enorme ed è continuamente cresciuta, tendendo alla diminuzione nelgi ultimi anni di crisi economica.
I rifiuti solidi urbani (RSU) sono prodotti da usi domestici o a loro assimilabili. I rifuti speciali derivana da attività agricole, artigianali, industriali, edilizie e commerciali. I rifiuti tossici (urbani e speciali – vedi La tossicità equivalente) sono quelli che possono causare danno a salute e ambiente, spesso di origine industriale, ma anche domestico (batterie, medicinali, …). Sebbene alla attenzione del pubblico siano più presenti gli RSU, i rifiuti speciali sono di gran lunga in maggior quantità e spesso pericolosi.

I progetti sui rifiuti

Da oltre vent’anni, lotte più o meno convinte, hanno scavato solchi sempre più profondi nel...
Case Passerini,Sesto Fiorentino – 14 maggio L’adesione di Legambiente: “Firenze e la Toscana devono investire...
COMUNICATO STAMPA Legambiente si oppone con forza, per uno sviluppo davvero sostenibileNO ALL’INCENERITORE DI CASE...
AMBIENTALISMO, VOLONTARIATO, SOLIDARIETÀ

Legambiente Firenze

Per continuare ad essere noi, abbiamo bisogno di te.